Diderot e l’Italia

Diderot e l’Italia

Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 23-25 gennaio 2014
Colloquio franco-italiano
Organizzatori: Società italiana di studi sul secolo XVIII, Société française d’Étude du 18e siècle
Patrocinio: Accademia Nazionale dei Lincei
Partecipano: Università di Paris III-Sorbonne nouvelle, Paris IV-Paris-Sorbonne, Roma I Sapienza, Roma II Tor Vergata
Il colloquio si aprirà il 23 gennaio alle ore 14 presso l’Accademia Nazionale dei Lincei (via della Lungara, 10 – 00165 Roma).
Call for papers entro il 30 settembre 2013
 
Comitato organizzativo e contatti: Beatrice Alfonzetti (SISSD; beatrice.alfonzetti@uniroma1.it) Jacques Berchtold (Sfeds ; berchtold.jacques@wanadoo.fr), Christian Del Vento (Sfeds ; christian.del-vento@laposte.net), Silvia Tatti (SISSD; silvia.tatti@uniroma1.it).
Comitato scientifico : Beatrice Alfonzetti (Roma I-Sapienza; Società italiana di studi sul secolo XVIII); Jacques Berchtold (Société française d’Étude du 18e siècle ; Uni Paris-Sorbonne); Michel Delon (Société française d’Étude du 18e siècle ; Uni Paris-Sorbonne); Christian Del Vento (Uni Paris3-Sorbonne nouvelle ; Société française d’Étude du 18e siècle); Marina Formica (Roma II-Tor Vergata; Società italiana di studi sul secolo XVIII); Rolando Minuti (Università di Firenze; Società italiana di studi sul secolo XVIII); Paolo Quintili (Roma II-Tor Vergata; Società italiana di studi sul secolo XVIII); Jean-Paul Sermain (Uni Paris3-Sorbonne nouvelle); Silvia Tatti (Roma I-Sapienza; Società italiana di studi sul secolo XVIII ); Roberta Turchi (Università di Firenze, Società italiana di studi sul secolo XVIII).
Appello
Diderot non è mai stato in Italia: questo appuntamento mancato può essere oggetto di studio e di interrogativi, se si considera che durante il Settecento il viaggio in Italia era quasi una tappa obbligata per chi s’interessava all’arte. Nella fattispecie Diderot accenna spesso ai cursus di formazione degli artisti e alla loro diretta esperienza dell’arte italiana. Nel Salons commisura molte delle produzioni francesi a lui contemporanee con quelle dei grandi pittori italiani che egli conosceva bene.
Anche in lui, fine ellenista e latinista, l’Antichità romana resta l’oggetto centrale di riflessione all’interno di ogni ambito: artistico, filosofico, delle scienze naturali e del riformismo politico. In un contesto culturale che vede le polemiche fra “francesi” e “italiani” fra cui la nota “Querelle des Bouffons”, Diderot è mosso dall’intento di riformare il teatro: la sua teoria sull’attore è stata influenzata dalla Commedia dell’arte. E la stessa presenza a Parigi di Carlo Goldoni costituisce per Diderot un forte motivo di emulazione. L’Italia inoltre è molto presente nell’Encyclopédie: significativa è la rete di relazione fra molti collaboratori dell’Encyclopédie e un numero non trascurabile di riformatori italiani: questo è un aspetto che andrebbe approfondito e studiato. Qui si ricordano i due esempi più noti: l’incontro di Diderot con l’abate Galiani e con Cesare Beccaria. In particolare Beccaria venne tradotto in Francia (l’abbé Morellet, Traité des délits et des peinesRecherches sur le style). Il colloquio intende soffermarsi, inoltre, anche sulla precoce ricezione dell’Encyclopédie e delle opere di Diderot in Italia, studiandone la fortuna e le traduzioni.
Temi e spunti
‒ Gli amici italiani di Diderot
‒ Diderot e l’Antichità romana
‒ Diderot e la tradizione dei racconti di viaggio in Italia
‒ Diderot, l’attore e la Commedia dell’Arte
‒ Diderot e Goldoni
‒ Diderot e il dramma borghese italiano
‒ Diderot e i pittori italiani
‒ Diderot e l’immagine dell’Italia nella pittura
‒ Diderot e la musica italiana
‒ La conoscenza della letteratura italiana
‒ L’Italia nell’Encyclopédie
‒ Rapporti fra i direttori dell’Encyclopédie e gli intellettuali italiani
‒ Beccaria e i fratelli Verri
‒ Diderot e Cesare Beccarla
‒ Dideor e l’abate Galiani
‒ Diderot e la censura
‒ Edizioni italiane dell’Encyclopédie
‒ Edizioni italiane delle opere di Diderot
Informazioni
Si prevedono 20 interventi, dieci della Società italiana di studi sul secolo XVIII e dieci della Société française d’Étude du 18e siècle.
I soci devono inviare le loro proposte entro il 30 settembre 2013. Le proposte italiane saranno vagliate da un apposito comitato scientifico della Società italiana di studi sul secolo XVIII. I soci che interverranno con una relazione si devono impegnare a inviare entro il 31 ottobre una sintesi del loro intervento (cinque cartelle) che sarà tradotta e distribuita ai relatori e al pubblico francesi.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.